Chiamaci al 0421-307685/307800 info@intermediaib.it

POLIZZA INFORTUNI

Oggetto della garanzia infortuni e un indennizzo, costituito da una somma di denaro in capitale, che l’assicuratore si impegna a corrispondere all’Assicurato qualora un infortunio ne elimini o riduca in modo definitivo ed irrimediabile, oppure temporaneamente, la capacita lavorativa.
I rischi assicurabili sono essenzialmente riconducibili a due categorie:

  • Rischi professionali, connessi ad una specifica attività lavorativa;
  • Rischi extra professionali, riferiti alle attività della vita comune, ricreativa, sociale o comunque svolte senza carattere di professionalità.

Questa distinzione consente di adottare la formula assicurativa ottimale per le reali esigenze degli assicurandi e del contraente limitando la garanzia ad una sola ipotesi di rischio o ricomprendendole entrambe.
I contratti normalmente accesi nel settore dell’assicurazione privata possono essere suddivisi in:

  • contratti stipulati dal datore di lavoro al solo scopo di liberalità;
  • contratti stipulati in favore di categorie per le quali e obbligatoria l’assicurazione in forza di Contratti/Accordi Collettivi Nazionali di Lavoro, o di precise disposizioni di legge a livello nazionale o regionale.

Nella prima ipotesi, la presenza di scoperture anche gravi nel programma assicurativo, di norma, non comporterà conseguenze negative.

Nella seconda ipotesi occorrerà verificare continuamente l’aggiornamento delle condizioni contrattuali e la congruità dei capitali assicurati, affinché risultino sempre allineati a quanto richiesto dal contratto/accordo di lavoro o dalle norme di legge.

Infatti, qualora un sinistro dovesse risultare non coperto dall’assicurazione, il datore di lavoro potrà essere chiamato a pagare in proprio l’intero indennizzo.
Occorre quindi verificare l’esistenza di particolari obblighi in capo all’Ente per coperture a favore dei propri dipendenti, Amministratori e Segretario.

Sulla base dell’ex DRP n.333 del 1990 l’Ente era tenuto ad assicurare con apposita polizza infortuni i conducenti di autovetture proprie o di proprietà dell’Ente stesso per gli infortuni ascrivibili ad un fatto di circolazione e verificatasi durante missioni ed adempimenti di servizio.

Oggi tale disposizione è stata “ridefinita” dal CCNL di categoria del personale del comparto delle REGIONI e delle AUTONOMIE LOCALI successivo a quello dell’01.09.1999 stipulato il 14.09.2000 il Comune è tenuto ad assicurare sia per gli infortuni che relativamente ai danneggiamenti materiali alle autovetture private utilizzate, i dipendenti in occasione di missioni o per adempimenti di servizio.

La polizza predisposta per questo rischio prevede la copertura dei casi di morte e di invalidità permanente con capitali di almeno € 206.582,76/258.228,45= per assicurato.

Un’altra norma, già citata, l’art. 86, 5 c. T.U. n. 267/2000 consente a comuni e province di assicurare Sindaco, Assessori, consiglieri per gli infortuni occorsi durante l’attività svolta per ordine e conto dell’Ente nell’espletamento delle funzioni previsti dal mandato.

RICHIEDI UNA CONSULENZA PERSONALIZZATA